Ѐ il caso di preoccuparsi? Quattro domande

Ѐ il caso di preoccuparsi? Quattro domande
 È il caso di preoccuparsi

Cosa potete fare quando siete stanchi di esaurirvi per le preoccupazioni e state lottando per calmare la vostra mente? Per una soluzione rapida, è sufficiente porsi queste quattro domande:

1. Che cosa vi importa?
2. Quanto è davvero importante?
3. Chi dice quello che dovete fare?
4. Che differenza fa ciò che gli altri pensano?

Analizziamole, in breve, una per una.

Che cosa vi importa?

Potreste anche pensare, "Beh, certo che mi importa!", ma è la verità? Potete chiedervi che cosa vi sta veramente a cuore? Al centro delle vostre preoccupazioni c'è qualcosa di specifico? Ad esempio, potreste essere preoccupati che vostro figlio adolescente possa fare qualcosa che non dovrebbe. Le preoccupazioni per la sua sicurezza sono valide, naturalmente, ma se si tratta di un piercing o di una relazione, non è che vi preoccupate troppo? Può essere che la vostra preoccupazione derivi dal fatto che sta crescendo e che tra un po' sarà libero nel mondo? Forse la cosa che vi preoccupa in realtà è che state invecchiando o che avete paura di rimanere soli.

Prendetevi il tempo per riflettere su ciò di cui avete veramente paura e poi affrontate direttamente la questione.

Quanto è davvero importante?

Potreste sentirvi in questo stato di preoccupazione per un qualcosa che non è veramente così importante. Il ciclo di preoccupazione e ansia si nutre costantemente e prima che ve ne possiate accorgere, le vostro preoccupazioni vi sono già sfuggite di mano. Se vi sentite in preda al panico a causa delle vostre preoccupazioni, fermatevi e fate una pausa. Quanto è importante questa cosa di cui vi state preoccupando? Avete forse versato qualcosa sul tappeto? Siete preoccupati per quello che vi potrà dire il padrone di casa? Siete in ritardo con la consegna dei libri alla biblioteca? Il vostro capo vi sta dando troppo lavoro da fare?

Riprendete il controllo della cosa di cui vi preoccupate così tanto. Pulite il tappeto. Pagate la sanzione in biblioteca. Dite di no al vostro capo, o meglio ancora, fate ciò che è possibile nel tempo che avete e fatelo bene. Lasciate che sia il vostro capo a preoccuparsi se il lavoro che vi ha dato non può essere completato in tempo. Ѐ lui che viene pagato per preoccuparsi, non voi.

Chi dice quello che dovete fare?

Gli unici che vi possono mettere pressione, siete voi stessi. Con l'esperienza si diventa capaci di non preoccuparsi per le altre persone e di controllare la pianificazione della propria vita. Non è facile da fare, ci vuole impegno, e bisogna essere forti e decisi - ma solo voi siete responsabili del vostro destino, e solo voi potete intervenire per apportare le modifiche necessarie per prevenire la pressione.

Ѐ la vostra vita, prendete voi le decisioni!

Che differenza fa ciò che gli altri pensano?

Se vi preoccupate troppo perché avete paura di quello che gli altri pensano di voi, è il momento di fare un controllo. Tutti noi giudichiamo l'un l'altro, in misura maggiore o minore, e francamente è una cosa poco gentile da fare. L'antidoto a questo è semplicemente non dare importanza a quello che pensano gli altri. Le loro opinioni non dovrebbero poter contare nella vostra vita, soprattutto se già state facendo il miglior lavoro possibile per essere un essere umano.

Pensate in questo modo. Che cosa vi è importato di più nelle ultime settimane della vostra vita? Avete vissuto dei grandi momenti e avete visto dei posti meravigliosi? O vi siete curati le unghie ogni settimana affinché nessuno vi potesse giudicare? Avete avuto delle esperienze meravigliose con amici favolosi e passato del tempo a ridere, cantare e ballare? O vi siete messi al fianco di un prepotente perché eravate troppo spaventati per opporvi a scapito di qualcun altro? Avete avuto a cuore il tempo trascorso con la vostra famiglia o il tempo trascorso in ufficio o nel traffico?

Ѐ la vostra vita. Fate le vostre scelte in base a cosa vi rende felici e orgogliosi di voi stessi. Cambiate ciò che potete cambiare e non preoccupatevi di ciò che non potete cambiare. La vita va avanti, e un giorno finirà. Vivete, perciò, nel qui e ora, e non preoccupatevi per il futuro.


Marie Pure

Altri articoli


Come evitare la negatività

Come evitare la negatività

Il pensiero negativo può impedirti di avere successo nella vita e realizzare i tuoi sogni. Pensare negativamente ha anche un effetto significativo sulla nostra salute fisica e mentale; la ricerca ha dimostrato che le persone che hanno schemi di pensiero negativi sperimentano meno opportunità, più stress e maggiore rischio di malattie fisiche.

Leggi l'articolo completo qui

Scopri se soffri della sindrome dell'impostore

Scopri se soffri della sindrome dell'impostore

A volte ti sembra che i tuoi risultati non sono il risultato del tuo duro lavoro e delle tue abilità, ma sono solo fortuna? E temi che un giorno qualcuno ti riveli come un impostore o un imbroglione? Potresti avere la sindrome dell'impostore!

Leggi l'articolo completo qui

Rendiamo il 2021 migliore del 2020

Rendiamo il 2021 migliore del 2020

Per molte persone, il 2020 è stato uno degli anni peggiori che possano ricordare. La pandemia COVID -19 e i disordini sociali hanno cambiato le nostre vite in modi che un anno fa non avremmo creduto possibile. E quando arriverà il gennaio 2021, probabilmente dovremo ancora affrontare molte sfide. Il 2021 potrà essere un anno migliore?

Leggi l'articolo completo qui

Come dimostrare il tuo valore

Come dimostrare il tuo valore

Ti senti come se tutti ti dessero per scontato? Che si tratti di lavorare fino a tardi per preparare una presentazione o di preparare un pranzo speciale per il compleanno del tuo partner, è bello essere apprezzati quando hai fatto uno sforzo in più. E se sembra che le persone non se ne accorgano, potresti pensare che nessuno ti apprezzi.

Leggi l'articolo completo qui

Perché non è mai troppo tardi per cambiare

Perché non è mai troppo tardi per cambiare

La gente pensa: sarà così per sempre. Non sono bravo in questo, sono fatto così. Ecco alcuni motivi per cui non è mai troppo tardi per un cambiamento.

Leggi l'articolo completo qui

Segni di depressione sotto traccia

Segni di depressione sotto traccia

Non è sempre ovvio quando qualcuno sta vivendo una depressione. Alcune persone con la depressione mascherano i loro sintomi, nascondendo i sentimenti dietro un sorriso per convincere gli altri che sono felici.

Leggi l'articolo completo qui

Cosa fare quando sei alla fine di una relazione

Cosa fare quando sei al limite della sopportazione?

L'alba sta arrivando e hai dormito a malapena tutta la notte. Invece di svegliarti pronto per affrontare la giornata, ti senti come se non fossi in grado di recuperare il ritardo su tutte le cose urgenti che devi fare. Pensieri stressanti ti girano per la testa e ti senti esausto e sfinito. Ti suona familiare? Non sei il solo!

Leggi l'articolo completo qui

Come rimanere giovani e combattere l'invecchiamento

Come rimanere giovani e combattere l'invecchiamento

Come prendervi cura di voi stessi ora che siete più maturi? Leggete i nostri dieci consigli su come rimanere giovani e e combattere l'invecchiamento!

Leggi l'articolo completo qui

Essere felici da soli

Essere felici da soli

Vi sentite mai soli? Pensate che sia possibile essere felici da soli? Essere felici da soli è assolutamente fattibile. 

Leggi l'articolo completo qui

Nascondere una depressione scopri se tu stesso o qualcuno che conosci lo sta facendo

Nascondere una depressione: scopri se tu stesso o qualcuno che conosci lo sta facendo

Non è sempre facile capire se qualcuno soffre di depressione. Mentre alcuni segni come tristezza, pessimismo e emarginazione sociale sono facili da riconoscere, altri sintomi possono essere meno evidenti. E alcune persone sono molto brave a nascondere la loro depressione , anche a se stesse!

Leggi l'articolo completo qui

Desideri una consulenza gratuita?

Non sai se i Fiori di Bach ti possono aiutare? Contattami per una consulenza personalizzata, gratuita e senza impegno!

tom vermeersch
Tom Vermeersch

Chiedi una consulenza senza impegno!

No grazie, preferisco informarmi da solo