Cosa fare quando il bambino non vuole tornare a scuola?

Cosa fare quando il bambino non vuole tornare a scuola?
Cosa fare quando il bambino non vuole tornare a scuola

Siete in una situazione in cui vostro figlio si indispettisce alla semplice menzione della scuola? Vostro figlio si inventa una misteriosa malattia prima di dover andare a scuola? Avete timore dell'inizio del nuovo anno? Se vi riconoscete in una di queste situazioni, allora vostro figlio può rientrare in quello che gli americani chiamano "rifiuto scolastico".

Il rifiuto scolastico non è la stessa cosa dell'assenteismo. I bambini che saltano la scuola scelgono di essere volontariamente disobbedienti e ingannevoli, partono infatti la mattina come se stessero andando a scuola, ma non ci arrivano mai. I bambini che esprimono la loro ansia per la scuola attraverso la malattia, il pianto o aggrappandosi a voi, si comportano generalmente bene e in maniera conforme. Con il bambino che salta la scuola, un genitore non sa dove vada il proprio figlio, ma con un bambino che rifiuta la scuola, il genitore sa esattamente dove sia. Molto spesso, un bambino che rifiuta di andare a scuola ha problemi di ansia.

Perché il bambino si rifiuta di andare a scuola?

Il bambino potrebbe avere problemi a scuola con la solitudine o con il bullismo, oppure potrebbe trovare troppo duro il lavoro da fare. Questo è particolarmente vero all'inizio di ogni anno scolastico quando il lavoro diventa improvvisamente e progressivamente più difficile. Obbedire alle regole, imparare cose nuove, praticare nuove abilità - tutto questo richiede molta energia. Se il vostro bambino ha appena trascorso una lunga vacanza coltivando i suoi passatempi preferiti, allora sicuramente troverà impegnativo il lavoro scolastico!

Oltre a ciò, ha abbandonato la sicurezza di stare a casa con i genitori e i fratelli, e improvvisamente si trova fuori nel mondo con persone che a volte sono del tutto nuove. Questo può essere spaventoso e rendere vulnerabile il bambino. A volte può addirittura preoccuparsi che possa succedere qualcosa ai genitori, ai suoi animali o fratelli e sorelle, mentre si trova a scuola.

Cosa fare se il bambino non vuole tornare a scuola?

Verificare se la malattia è genuina. Se il bambino si lamenta di sintomi fisici, prendetelo seriamente e portatelo dal medico. Non pensiate che non ci sia niente che non va e che il bambino stia recitando.

Stabilite una regola in casa di ciò che costituisce una malattia per cui un bambino può stare assente da scuola. Febbre, influenza, ecc., Ma non raffreddori, mal di testa o mal di stomaco. Se è veramente malato, la scuola vi contatterà rapidamente per riportare il bambino a casa.

Assicuratevi che il bambino dorma a sufficienza. I bambini tra i 6 e i 12 anni hanno bisogno di dormire dalle 9 alle 12 ore per notte. Il bambino dovrebbe andare a letto senza portarsi nessun oggetto elettronico e spegnendolo quando decidete voi e non quando sceglie lui.

Comunicate. Parlate con vostro figlio a riguardo di ciò che lo disturba e cercate di arrivare alla radice di eventuali problemi specifici. È necessario disegnare un piano che includa il ritorno a scuola e chiarire che questo è ciò che accadrà in ogni caso, ma allo stesso tempo prestare molta attenzione a quello che dice il bambino. Ricordate che a volte il vostro bambino non sarà in grado di spiegare esattamente ciò che non va, ma è necessario sostenerlo quanto più è possibile.

Cercare indizi sul problema.Questo è particolarmente importante se il vostro bambino non riesce a comunicare con voi e a chiarire ciò che sta passando.

Nessuna lezione! Non c'è motivo di fare lunghe discussioni. È possibile che il bambino desideri solo attenzione e se la ottiene in questo modo, probabilmente ripeterà questo comportamento rifiutando la scuola.

Parlate con l'insegnante. Molto spesso gli insegnanti sono le persone che meglio sanno cosa sta succedendo con il bambino a scuola. Dovreste anche avvisare la scuola del fatto che c'è questo problema e che, in quanto genitori interessati, volete trovare una soluzione.

Al contrario, non dovete essere troppo prepotenti. Non pensate che la colpa sia dell'insegnante o della scuola. Ci possono essere dei casi di bullismo che la scuola non ha affrontato, ma lavorando con gli insegnanti, metterete in evidenza il problema e ve ne saranno grati.

Stare a casa non è la risposta. Fate capire al bambino che stare assente da scuola non significa passare il tempo a giocare. Se è malato, deve rimanere a letto e riposare, senza TV o giochi, e senza alcuna attenzione in più da parte vostra. Non andare a scuola (al di fuori delle vacanze) non dovrebbe essere qualcosa di attraente per il bambino.

Se l'ansia è così estrema che il bambino deve stare lontano dalla scuola, create un ambiente per lo studio a casa. Dovrà sedersi a una scrivania e lavorare. Se non è malato, non gli dovrebbe essere permesso di dormire oltre al riposo consigliato. Se siete dei genitori che lavorano, provate a chiedere ad un amico o ad un parente con del tempo libero di aiutarvi con vostro figlio.

Condividi
Marie Pure

Altri articoli


Perché non è mai troppo tardi per cambiare

Perché non è mai troppo tardi per cambiare

La gente pensa: sarà così per sempre. Non sono bravo in questo, sono fatto così. Ecco alcuni motivi per cui non è mai troppo tardi per un cambiamento.

Leggi l'articolo completo qui

avete mai pensato allo yoga

Avete mai pensato allo yoga? I vantaggi di praticare lo yoga

Avete mai pensato allo yoga? Ci sono molti vantaggi nel praticare lo yoga. È una pratica olistica che aiuta fisicamente, emotivamente e mentalmente.

Leggi l'articolo completo qui

Sei bloccato dall’abitudine

Sei bloccato dall’abitudine?

È difficile notare quando siamo intrappolati in una routine familiare. Fai il nostro quiz per scoprire se sei bloccato dall’abitudine e cosa puoi fare per reagire.

Leggi l'articolo completo qui

Consigli per la paura dei cani dei botti di Capodanno

Consigli per la paura dei cani dei botti di Capodanno

 Con il Natale che si avvicina, il Capodanno è alle porte. Se il vostro cane è terrorizzato dai fuochi d'artificio della mezzanotte, ci sono alcune cose che potete fare per ridurre al minimo il suo disagio.

Leggi l'articolo completo qui

verleden-loslaten

Come dimenticare il passato in 5 passi

I cattivi ricordi del passato possono avere un forte impatti sulla nostra vita, non solo per il nostro umore, ma anche per il nostro benessere.

Leggi l'articolo completo qui

Perché una vita senza stress e senza ostacoli non è gratificante

Perché una vita senza stress e senza ostacoli non è gratificante

Lo stress può essere sia buono che cattivo; dipende da come lo si guarda, ma il troppo stress può essere pericoloso. Come? Scoprilo in questo articolo!

Leggi l'articolo completo qui

Smettere di preoccuparsi e vivere il momento

Smettere di preoccuparsi e vivere il momento

Le persone trascorrono gran parte del loro tempo rimpiangendo il passato e preoccupandosi del futuro. Ma non ne vale la pena! Quello che è successo ieri non ha più importanza! Lascia andare il passato e il futuro e sfrutta al massimo ogni momento al presente.

Leggi l'articolo completo qui

6 consigli per non mollare gli allenamenti

6 consigli per non mollare gli allenamenti

Ci sono molte ragioni per spiegarsi l'intenzione di smettere di allenarsi. Ecco alcuni consigli per perseverare più facilmente con gli allenamenti.

Leggi l'articolo completo qui

Avocado

6 cibi che limitano l'ansia

Questi 6 cibi contengono sostanze che limitano le vostre ansie. Volete saperne di più? Cliccate qui per leggere l'intero articolo.

Leggi l'articolo completo qui

Come posso aiutare mio figlio a realizzare i suoi sogni

Come posso aiutare mio figlio a realizzare i suoi sogni?

L'immaginazione dei bambini non conosce limiti e i loro sogni sono un mix di speranze e fantasie, reale e magico, impossibile e realizzabile.

Leggi l'articolo completo qui

Desideri una consulenza gratuita?

Non sai se i Fiori di Bach ti possono aiutare? Contattami per una consulenza personalizzata, gratuita e senza impegno!

tom vermeersch
Tom Vermeersch

Chiedi una consulenza senza impegno!

No grazie, preferisco informarmi da solo
re-enabled on 03-08-2020 #}